www.montebelloblognwes.com - Tutto quello che accade a Montebello Ionico e ... molto altro ancora.

 

Bova – In occasione della due giorni calabrese della massima carica dello Stato, Carmelo Giuseppe Nucera, presidente del circolo di cultura greca Apodiafazzi, ed ex sindaco della città Bova, ha scritto al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano con l’intento di sollecitarne l’attenzione verso alcune problematiche del mondo calabro greco. Nell’articolata missiva, Nucera, citando personaggi ed eventi della Reggio magnogreca, tratteggia il glorioso passato culturale che fin dal secolo VIII° a.C ha caratterizzato la vita «della seconda Atene del mondo antico». Partendo dall’assunto che «Reggio come Atene, fu tra le città greche più sapienti e più colte», il rappresentate di Apodiafazzi, dopo aver esternato al Capo dello Stato un doveroso «benvenuto nella Reggio di cultura greca», gli si rivolge con un accorato appello affinché voglia «richiamare le istituzioni della Calabria e il governo nazionale a concordare ed attuare un progetto per lo sviluppo e il lavoro in questa terra dove l’emigrazione decapita le forze del cambiamento». L’ex primo cittadino della città di Bova, oggi capoluogo culturale dei quindici comuni facenti parte dell’area grecanica, nello specifico, chiede un maggiore impegno delle istituzioni «per rinverdire la lotta ai poteri mafiosi che soffocano la comunità, mettere in atto di misure per la mitigazione del rischio sismico ed idrogeologico, realizzare un progetto per la valorizzazione dei beni e delle aree archeologiche calabro greche e conseguire il rispetto della legge 482/99 (sulle minoranze linguistiche) che prevede l’insegnamento della lingua calabro greca nelle scuole e l’intervento programmato del Sistema radiotelevisivo Pubblico».

Fabio Macheda

Nella foto Carmelo Giuseppe Nucera, presidente del circolo di cultura greca Apodiafazzi

Etichette: , ,

postato da Bernardino F.L. Cardenas; alle 12:01 PM,

0 Comments:

Posta un commento

Links a questo post:

Crea un link

<< Home