www.montebelloblognwes.com - Tutto quello che accade a Montebello Ionico e ... molto altro ancora.

 



Assemblea pubblica dei Comitati civici

Non solo depurazione, ma anche TARSU e Consorzio di Bonifica tra gli argomenti che verranno trattati

Montebello Jonico – Rimborsi del canone di depurazione, presunte irregolarità nelle tariffe, nella lettura dei contatori e nella quota relativa al servizio di fognatura, queste le tematiche che verranno trattate nel secondo incontro, dedicato alle “bollette pazze” del Servizio Idrico Integrato, promosso dal “Leone Sgrò” e “I Tartassati”, i due comitati civici che, unitamente alle associazioni “I Fossatesi nel Mondo”, Codacons e SPI – CGIL, stanno seguendo la vicenda che vede il comune ed i cittadini di Montebello Jonico impegnati in una doppia disputa giuridica davanti al Giudice di Pace di Melito Porto Salvo e alla Commissione Tributaria di Reggio Calabria. La controversia, nata alcuni mesi addietro, ha avuto ulteriori sviluppi dopo una sentenza della Corte Costituzionale che ha dichiarato illegittima la normativa relativa all'obbligo di corresponsione del canone di depurazione anche per quei cittadini che non usufruiscono del servizio. L’iniziativa pubblica, il cui svolgimento è previsto alle ore 17,30 di oggi presso Piazza Municipio a Fossato Jonico, segue quella analoga tenutasi lo scorso venerdì a Saline e scaturisce dalla constatazione che l’amministrazione comunale, fino ad oggi non ha rilasciato alcuna dichiarazione in merito ai tempi e alle modalità dei rimborsi e degli sgravi che la sentenza presume. Alla riunione sarà presente l’Avvocato Mario La Bella, responsabile provinciale Codacons, che, oltre a fare il punto sulla questione, affronterà due tematiche emerse ultimamente e riguardanti la TARSU (tassa per i rifiuti solidi urbani), per la quale alla luce di una recente sentenza di Cassazione non deve essere pagata l’IVA, e i pagamenti richiesti dal Consorzio di Bonifica per miglioramento fondiario che, secondo un’altra sentenza, sarebbero dovuti solo in caso di effettivo e dimostrato miglioramento del fondo. Diversi enti, quindi, rischiano di essere investiti da una valanga di azioni risarcitorie che promettono di riportare nelle tasche dei cittadini il maltolto.

Etichette:

postato da Bernardino F.L. Cardenas; alle 9:31 AM,

0 Comments:

Posta un commento

Links a questo post:

Crea un link

<< Home