www.montebelloblognwes.com - Tutto quello che accade a Montebello Ionico e ... molto altro ancora.

 



Elezioni Montebello, è "manifesto selvaggio"

Montebello Jonico – La triste consuetudine delle affissioni selvagge continua ed anche la tornata elettorale del prossimo 6 e 7 giugno sembra essere caratterizzata dall’odioso fenomeno. I muri delle varie frazioni montebellesi sono stati invasi da manifesti di partiti e candidati che, pur di conquistare un po’ di visibilità, dimostrano di non disdegnare alcun mezzo. Facciate di private abitazioni, pali e cassette della rete elettrica e telefonica, pensiline delle fermate dei bus, elementi funzionali e di arredo che dovrebbero contribuire a dare decoro ai nostri centri urbani vengono utilizzati come bacheche dove attaccare i simboli dei vari partiti e i faccioni dei candidati che, sorridenti e rassicuranti invitano ad esprimere un consenso nei loro confronti. Una situazione che di volta in volta evolve in peggio e che in questa tornata elettorale, considerato che si parla di elezioni per il rinnovo del sindaco e del consiglio comunale, sta lasciando i cittadini indignati e perplessi. Sono in molti, infatti, a non capire come, chi dovrebbe proporsi al servizio della collettività poi possa dimostrare una così bassa considerazione della cosa pubblica. Naturalmente è facile rendersi conto che le campagne elettorali sono gestite da agenzie pubblicitarie che molto spesso agiscono in completa autonomia, ma ciò non esime i committenti dal censurare questi comportamenti e soprattutto non esenta l’amministrazione comunale dallo svolgimento delle funzioni di controllo e repressione che legislativamente le appartengono e che, se applicate, garantirebbero il rispetto delle regole. Il fatto che i trasgressori, solitamente, si identifichino con le stesse persone deputate al controllo legislativo di queste violazioni, però, porta ad una deprecabile connivenza e fa delle affissioni abusive elettorali il classico fenomeno anomalo che, a furia di perpetrarsi in continuazione, rischia di divenire prassi consolidata.

Fabio Macheda (Il Quotidiano della Calabria)

postato da Bernardino F.L. Cardenas; alle 12:41 AM,

0 Comments:

Posta un commento

Links a questo post:

Crea un link

<< Home