www.montebelloblognwes.com - Tutto quello che accade a Montebello Ionico e ... molto altro ancora.

 



L'angolo della poesia


'A Canna
La Canna


'Na canna virdi, a llimiti i sciumara,
Una canna verde, al bordo di una fiumara,

si 'nc'era ventu a ddritta o ventu a mmanca,
se c'era vento sbatteva a dritta e a manca,

gghicava i ccà e i ddhà cull'atri a gara;
si piegava di quà e di là insieme alle altre faceva gara;

non s'arrumpiva e ssa' faciva franca...
non si rompeva e se la faceva franca...

L'arburi, 'nto giardinu, ambeci, storti,
Gli alberi, nel giardino, invece, storti,

rrutti, sciancati, dopu un tempurali;
rotti, distrutti dopo il temporale;

pariva chi cciangiunu 'a so' sorti
sembrava che piangevano la loro brutta sorte

e 'a canna 'mbocicava tali e qquali...
e la canna brontolava anche essa.

"Chi vveni a diri?" dissi n'arbureddhu
"Che stai dicendo?" le disse un alberello

"eu già struncatu ed iddha ddhani nenti?"
" io così distrutto e lei che non si è fatta niente?"

'A canna rrispondiu: "Giovinotteddhu,
La canna rispose: "Giovanotto,

pi stari 'an peri gghichiti ch'i venti"...
per stare in piedi piegati con i venti"...

"Non cridiri"! ggridau 'na quercia iata
"Non credere"! Gridò una quercia alta

" 'Ndi vitti canni chi ssa' fissiaru,
"Ne ho viste di canne che si gongolavano,

ma, quando vinni 'a bbona venticata,
ma, quando venne una buona ventilata,

aschi aschi ddha' 'nterra terminaru!..."
si ruppero e a terra stramazzarono!..."


(Nicola Giunta)

postato da Miguel Cervantes; alle 6:24 PM,

0 Comments:

Posta un commento

Links a questo post:

Crea un link

<< Home