www.montebelloblognwes.com - Tutto quello che accade a Montebello Ionico e ... molto altro ancora.

 



Maltempo, Montebello tenta di rialzarsi

Montebello Jonico – Grazie alla tregua meteo che, dopo i disastrosi eventi atmosferici dei giorni scorsi, ha regalato il secondo giorno consecutivo senza precipitazioni, si allevia la condizione d’emergenza registratasi nel comune jonico. I montebellesi, messi in ginocchio da torrenti in piena, smottamenti, colate di fango, alberi sradicati, frane ed allagamenti che avevano letteralmente paralizzato la circolazione, tentano di rialzare la testa e si avviano verso un lento ed auspicabile ritorno alla normalità. La strada provinciale Sant’Elia – Fossato, dove la circolazione era rimasta interrotta per l’intera giornata di domenica ed alcuni cittadini avevano rischiato la vita rimanendo con le autovetture intrappolate tra due fronti di smottamento, ieri è stata riaperta al traffico veicolare leggero ed oggi (ieri per chi legge) risulta percorribile, anche dagli automezzi pesanti. Nonostante il lieve miglioramento della situazione abbia permesso anche il ripristino del trasporto pubblico e dei collegamenti con i centri litoranei e la vicina Reggio Calabria, la transitabilità della provinciale, comunque, continua ad essere difficoltosa e limitata a causa dei numerosi tratti ancora percorribili su una singola corsia di dimensioni molto ridotte. Sull’arteria stradale, unica via di collegamento tra i centri interni e quelli costieri, inoltre, permane incombente il pericolo legato al rotolamento di massi che inevitabilmente continuano a distaccarsi dai fianchi della montagna, rimasta profondamente segnata dai cedimenti dei giorni scorsi. Rimane invece ancora impercorribile, per il persistere di frane e smottamenti, il collegamento interno col limitrofo comune di Motta S.G. Stessa situazione anche sulla strada di collegamento intercomunale Fossato – Bagaladi che, danneggiata dalla furia delle acque, continua ad essere intransitabile. Difficoltà di viabilità perdurano inoltre nelle borgate periferiche di Mastropietro, Dadora, Sant’Elena, Fucidà, Mantineo e Molaro. Sul fronte delle notizie positive vi è inoltre da segnalare la riapertura dei plessi scolastici della zona Nord, che ieri erano rimasti chiusi per un’ordinanza del sindaco. Il leggero e positivo progresso della contingenza, comunque, non deve far pensare ad un cessato stato d’emergenza. Il permanere di un contesto ancora delicato e difficile, infatti, viene confermato dal sindaco Loris Nisi che, in avviso diramato alla popolazione, fa sapere come, nonostante gli interventi predisposti, «i danni sono talmente estesi e diffusi che non pare possibile garantire il ripristino e la normalità in tempi brevi» e, per questo motivo, «invita tutta la cittadinanza ad adottare particolari cautele nella circolazione sulle strade comunali e provinciali, anche per la presenza di buche o smottamenti che potrebbero essere non segnalati».

Fabio Macheda

Etichette: ,

postato da Bernardino F.L. Cardenas; alle 1:17 AM,

0 Comments:

Posta un commento

Links a questo post:

Crea un link

<< Home