www.montebelloblognwes.com - Tutto quello che accade a Montebello Ionico e ... molto altro ancora.

 



Curzio Maltese in giudizio civile ad Ottobre

L’articolo sulla nostra città pubblicato sul quotidiano La Repubblica lo scorso 25 aprile a firma Curzio Maltese può essere assunto a paradigma di come si possa trasformare un reportage giornalistico in un gratuito e diffamante attacco a tutta la cittadinanza. In questo eclatante esempio di pessimo giornalismo, infarcito di luoghi comuni e stereotipi, una volta attribuiti al ferreo controllo territoriale delle cosche alcuni oggettivi indubitabili fatti positivi (sostanziale assenza di microcriminalità, vita notturna, ecc.), vengono assunte come vere alcune infamanti chiacchiere da bar e, senza citarne la fonte, queste vengono acriticamente riportate in modo unilaterale e fazioso. A queste dicerie, una volta estese alla nostra città alcune indubbie realtà negative presenti in Regione e in Provincia, viene attribuita una certificazione di “verità” riportando un passo di uno scritto del procuratore Gratteri in cui si afferma che in Calabria la densità criminale arriva fino al 27% della popolazione. La vera e propria diffamazione avviene quando si afferma che “A Reggio Calabria siamo al 50%, significa che una persona su due è coinvolta, a vario titolo, in attività criminali”.

La Fondazione Mediterranea per la promozione e lo sviluppo dell’Area e della Città Metropolitana dello Stretto, avendone titolo in quanto ha personalità giuridica e tra i suoi soci fondatori annovera il Comune e la Provincia reggina, ha deliberato di promuovere un’azione risarcitoria contro il quotidiano La Repubblica a nome e per contro della cittadinanza reggina diffamata da Curzio Maltese. L’eventuale risarcimento ottenuto verrà interamente destinato dalla Fondazione Mediterranea, in accordo con l’Amministrazione comunale, ad iniziative culturali e promozionali tese a riparare la ferita all’immagine cittadina prodotta dal menzionato articolo.

La prima udienza del procedimento civile che vede opposta la Fondazione Mediterranea, assistita dall’avv. Natale Carbone del Foro reggino, al quotidiano La Repubblica, si terrà il prossimo 10 ottobre al Tribunale di Roma.

Nella foto il Duomo di Reggio Calabria

Etichette: ,

postato da Bernardino F.L. Cardenas; alle 11:23 AM,

0 Comments:

Posta un commento

Links a questo post:

Crea un link

<< Home