www.montebelloblognwes.com - Tutto quello che accade a Montebello Ionico e ... molto altro ancora.

 



Concorso per comandante dei VV.UU., rimangono in 14 i pretendenti

Montebello Jonico – Quattordici aspiranti per un posto di istruttore direttivo del settore vigilanza. E’ questo il numero dei concorrenti che, dopo aver superato lo scoglio delle due prove scritte previste dal concorso, sono stati ammessi a sostenere la prova orale. I loro nomi sono stati resi noti attraverso una nota che, pubblicata sul sito ufficiale del comune jonico, informa che «con successivo atto verrà data comunicazione della data e della sede di espletamento della prova orale». I quattordici candidati che, al momento, ambiscono ad assumere il ruolo di comandante della Polizia Municipale montebellese, quindi, potrebbero trovarsi molto presto a dover affrontare quest’ultimo esame che, articolato in cinque quesiti specifici, riguarderà, oltre alle materie già oggetto di prova scritta, anche il codice penale, la legislazione in materia d’edilizia, igiene e polizia amministrativa, l’accertamento della capacità di utilizzo di apparecchiature ed applicazioni informatiche e quello della conoscenza di una lingua straniera. Le prove selettive scritte, tenutesi nei giorni 7 e 8 gennaio 2009, invece, sono vertite su argomenti quali l’ordinamento degli enti locali, il diritto amministrativo e la legislazione del commercio e dei pubblici esercizi. Iniziata formalmente nel giugno 2008, in esecuzione ad un atto deliberativo emanato della giunta comunale nel dicembre dell’anno precedente, la procedura concorsuale in questione, quindi, si avvia lentamente a conclusione. La disponibilità del posto di qualifica dirigenziale si era verificata in seguito al trasferimento, al comune di Reggio Calabria, dell’ex comandante, Maurizio Marrapodi. Durante questo lungo periodo di vacanza della carica, i compiti e le funzioni tipiche del ruolo di comandante dei vigili urbani, sono stati retti dalla dottoressa Margherita Iamonte, responsabile del settore amministrativo dell’ente. Tuttavia, la mancanza di un professionista a cui affidare in via esclusiva la responsabilità del settore vigilanza, portando a temere un rallentamento delle attività di settore, aveva indotto la giunta Nisi ad indire il concorso in questione.

Fabio Macheda (Il Quotidiano della Calabria)

Etichette: , ,

postato da Bernardino F.L. Cardenas; alle 4:36 PM,

0 Comments:

Posta un commento

Links a questo post:

Crea un link

<< Home