www.montebelloblognwes.com - Tutto quello che accade a Montebello Ionico e ... molto altro ancora.

 



Montebello, Bollette Pazze: Nisi infrange lo Statuto e i cittadini si rivolgono al Prefetto

Chiesta a Sua Eccellenza la convocazione del Consiglio comunale
I cittadini di Montebello hanno scritto a Sua Eccellenza il Prefetto di Reggio Calabria dott. Musolino, affinchè provveda a convocare il consiglio comunale, sostituendosi al sindaco Loris Nisi, visto che il primo cittadino ha disatteso la legittima richiesta dei cittadini montebellesi.
Un'altra brutta storia per la democrazia di Montebello Jonico scritta dal sindaco, negando i diritti della sua popolazione.
La richiesta al Prefetto è stata firmata anche dal Comitato civico "Leone Sgrò" di Fossato Jonico, dall'associazione "I Fossatesi nel mondo" sempre di Fossato e dal comitato "I Tartassati" di Saline Joniche.
I cittadini, il 29 febbraio 2008, avevano chiesto la convocazione del consiglio comunale per far discutere ed eventualmente approvare la sospensione delle "bollette pazze" inviate dall'amministrazione per la riscossione del canone acqua potabile, fognatura e depurazione, secondo l'art. 39 dello Statuto comunale, raccogliendo oltre 300 firme (quindi ben oltre le 250 richieste).
Ma ecco cosa dice l'articolo 39 dello Statuto ("Proposte"):
1. Qualora un numero di elettori del Comune non inferiore a 250 avanzi al Sindaco proposte per l'adozione di atti amministrativi di competenza dell'Ente e tali proposte siano sufficientemente dettagliate in modo da non lasciare dubbi sulla natura dell'atto e del suo contenuto dispositivo, il Sindaco ottenuto il parere dei responsabili dei servizi interessati, trasmette la proposta unitamente ai pareri all'Organo competente ed ai gruppi presenti in Consiglio Comunale entro 30 giorni dal ricevimento.
2. L'Organo competente può sentire i proponenti e deve adottare le sue determinazioni in via formale entro 30 giorni dal ricevimento della proposta.
3. Le determinazioni di cui al comma precedente sono pubblicate negli appositi spazi e sono comunicate formalmente ai primi tre firmatari della proposta.
Non solo il sindaco Nisi non ha convocato il consiglio, ma non ha trasmesso la proposta ai gruppi presenti in consiglio comunale, nè ha comunicato ai primi tre firmatari della proposta le determinazioni adottate.
Insomma ha fatto come meglio ha creduto, facendo "finta di nulla".
Come è lontana anni luce questa amministrazione da quella di Palizzi, per esempio, dove il sindaco, convocato il consiglio comunale per lo stesso problema delle "bollette pazze" di acqua potabile, fognatura e depurazione, ha chiesto scusa ai cittadini riservandosi di rivedere le bollette pazze inviate in precedenza.
Sbagliare è umano, ma perseverare è diabolico!
Adesso spetta al Sig. Prefetto (nella foto con il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Scopelliti ad una inaugurazione) indirizzare il sindaco Nisi verso l'applicazione della legge, e ristabilire le regole della buona amministrazione nel nostro comune di Montebello.


Etichette: , , ,

postato da Miguel Cervantes; alle 12:16 AM,

0 Comments:

Posta un commento

Links a questo post:

Crea un link

<< Home